header wiki – Huis van de Nijmeegse Geschiedenis

19 ‘Accademia dipartimentale’

Uit Huis van de Nijmeegse geschiedenis

Ga naar: navigatie, zoeken
Periodo: 
Reggenti e sovrani
Nella Repubblica delle Sette Province Unite ogni città capoluogo ambiva ad avere un centro di studi superiori: un’alta scuola (detta ‘ illustre’), ma preferibilmente un’università in grado di conferire titoli accademici. Anche Nimega per un breve periodo ebbe il privilegio di ospitare un’università.

L’istituzione e lo sviluppo di insegnamenti universitari a Leida, Franeke, Groninga e Utrecht, nel XVII secolo, fu certamente motivo di grande orgoglio per queste città. Già Dordrecht, Middelburg, Deventer, ’s-Hertogenbosch e Breda, erano sedi di scuole superiori. In Gheldria, quattro città si contesero l’onore di ospitare un’università: Arnhem, Harderwijk, Zutphen e Nimega. A Harderwijk nel 1600 era stata aperta una scuola, elevata al rango di ‘università di Gheldria’ 48 anni più tardi. Nimega si oppose fermamente a tale designazione, tanto che nel 1654 fondò un proprio istituto di studi superiori. La solenne inaugurazione della scuola di Nimega avvenne il 3 maggio 1655 nella chiesa di Santo Stefano. A quei tempi il corpo docente era composto di soli tre professori: un religioso, il pastore Guillaume Soudan (professore di filosofia), Christophorus Wittichius (professore di filosofia e di teologia) e il giurista Petrus de Greve, strappato all’università di Harderwijk. Dopo la nomina nel 1656 di Emmanuel de Mandeville (medico cittadino) a professore di medicina, e di Johannes Schultingius (di Duisburg) a professore di storia e di eloquenza, la scuola fu elevata al rango di università – a un anno esatto dalla sua inaugurazione. Tale status non fu riconosciuto da tutti i dipartimenti della Gheldria, ma soltanto da quello di Nimega: da qui il nome di ‘Accademia dipartimentale'. Negli anni seguenti questa università conobbe un periodo di splendore: il numero di studenti salì a 70; le lezioni settimanali erano diciotto, la maggior parte nella Commanderie van Sint Jan, sede della biblioteca cittadina; furono acquistati due globi del famoso editore di Amsterdam ‘Blaeu’; la pratica medica aveva luogo nella sala conferenze della corporazione dei chirurghi, sopra il porticato da cui si accede alla chiesa di Santo Stefano.

Nel 1665 la situazione cambiò completamente: una nuova epidemia di peste, che costò la vita a uno dei professori universitari, segnò l’inizio di un periodo di stasi; Nimega inoltre subì la concorrenza delle altre città universitarie della Repubblica e nel 1670-1671 due suoi eccellenti professori si trasferirono a Leida. Nel 1672 l’attività didattica fu interrotta a causa dell’invasione francese. Dopo la partenza dei francesi, Nimega non disponeva di risorse economiche sufficienti per rimettere in sesto l’università la quale, pertanto, dovette essere chiusa.
Canonicoon19.gif
La prima università di Nimega
1654-1679
Diploma di laurea di Michael de Mandeville, 1666 (RAN)

19 bul.jpg

Fonte: Hans Bots, in: De Canon van Nijmegen, Uitgeverij Vantilt (Nijmegen 2009)
KENNISBANK
Verder graven in de historie van stad en omgeving
FACEBOOK
Op de hoogte blijven van het laatste nieuws van het Huis
EDUCATIE
Projecten en maatwerk voor het onderwijs
VERHALEN
Verteld verleden