header wiki – Huis van de Nijmeegse Geschiedenis

33 I fratelli Leeuw

Uit Huis van de Nijmeegse geschiedenis

Ga naar: navigatie, zoeken
Periodo: 
Guerre mondiali
La demolizione delle mura verso la fine dell’Ottocento segnò l’inizio dell’espansione di Nimega: fu realizzato un grande ‘guscio’ ai margini del semicerchio del centro cittadino. Lungo i viali che circondavano il centro e le ampie strade sorsero monumentali palazzi, ville, scuole e chiese. Per gli architetti, come i fratelli Leeuw, il lavoro certo non mancava.

Nei decenni a cavallo tra il XIX e il XX secolo il lavoro ferveva in tutta la città. Una rosa di architetti stava sviluppando la città: J.J. Weve, C. Eysvogel, C.H. Peters, D. Semmelink, G. Buskens, A. A.J. Margry, N. Molenaar, Ch.M.F.H., Estourgie e A.J. Kropholler; tuttavia nessun nome dominò sugli altri come quello della famiglia di artisti Leeuw. Fu il figlio minore, Oscar, a dare un volto alla città nella prima metà del XX secolo; non vi era, infatti, strada che non sfoggiasse un edificio di sua creazione. Oscar Leeuw era figlio dello scultore Henri. Suo fratello, Henri jr., era pittore e scultore. Per il parco Kronenburger, i due Henri scolpirono nel 1886 un leone di pietra a grandezza naturale con lo stemma della città. Oscar lavorò con entrambi; nel 1904 realizzò per sé e sua moglie una casa moderna al numero 58-60 della Graafseweg, dove abitarono anche il padre, il fratello e la sorella e aveva sede il suo studio. Risalgono a questo periodo le ville lussuose, i ristoranti e i negozi, sovente in stile liberty, progettati da Oscar e con decorazioni realizzate dal fratello Henri. Oscar aveva buoni contatti con facoltosi committenti e ciò gli permise di sbizzarrirsi con uno stile ricco e decorativo. Il castello di caccia ‘De Mookerheide’, costruito per il redditiere J.J. Luden (1902-1905) segnò uno dei punti culminanti nella sua produzione. Grazie alla sua notorietà in costante crescita, poté realizzare nei decenni seguenti importanti edifici pubblici di valenza culturale: la sinagoga con locali scolastici e abitazioni al piano superiore nella Gerard Noodtstraat (1912-1913, che oggi ospita il Museo della Natura), l’auditorium ‘De Vereeniging’ sulla piazza Keizer Karel (1914-1915) e il museo G.M. Kam nella Museum Kamstraat, basato sulla pianta di una immaginaria villa romana (1920-1922). L’architettura del museo è più sobria e risente esplicitamente dell’influenza espressionista come per l’edificio della Bankvereeniging Van Engelenen Schippers, nella Hertogstraat 70-72 (1920-1921).

Le ville e i palazzi signorili progettati da Leeuw si distinguono per i caratteristici ornamenti e la molteplicità e ricchezza di elementi architettonici quali cupole, torri, padiglioni, bovindi e verande.
Canonicoon33.gif
Una famiglia di artisti modella la città
circa 1900-1930
Il leone nel parco Kronenburger, di Henri Leeuw, padre e figlio, 1886 (AM)

33 leeuwkronenburgerpark.jpg

Fonte: Jan Brabers, in: De Canon van Nijmegen, Uitgeverij Vantilt (Nijmegen 2009)
KENNISBANK
Verder graven in de historie van stad en omgeving
FACEBOOK
Op de hoogte blijven van het laatste nieuws van het Huis
EDUCATIE
Projecten en maatwerk voor het onderwijs
VERHALEN
Verteld verleden