header wiki – Huis van de Nijmeegse Geschiedenis

37 La ‘Roma del nord’

Uit Huis van de Nijmeegse geschiedenis

Ga naar: navigatie, zoeken
Periodo: 
Guerre mondiali
Nessuna città olandese negli anni ’50 contava così tanti monasteri, istituti di noviziato e case madri come Nimega. La presenza dei religiosi di diversi ordini e congregazioni fu tale da far guadagnare alla città il soprannome di ‘Roma del nord’.

Secondo lo scrittore Godfried Bomans, ex-studente della locale università cattolica, Nimega era una città dove – come in nessun altro posto al mondo – la preoccupazione per il mondo ultraterreno caratterizzava l’immagine della città. Ovunque si vedevano padri con ‘corde penitenziali ben lavate’, suore con ‘ampi cappucci come insetti’ e frati con ‘enormi grani del rosario alla cintura’, ricorda Bomans. Questo fenomeno ebbe inizio nel XIX secolo, si rafforzò con l’avvento dell’università cattolica e raggiunse il culmine negli anni '50 del novecento. Tramite le congregazioni, i cattolici si proponevano di autogestirsi all’interno delle proprie comunità svolgendo compiti soprattutto nel campo dell’istruzione e dell’assistenza agli ammalati, sentiti come propri e non delegabili. Si trattava di attività svolte pro Deo con le quali i cattolici intendevano affermare la presenza della chiesa nella società e diffondere la fede cattolica. Le suore della Compagnia di Gesù, Maria e Giuseppe, nel 1829, su invito del parroco gesuita Brusseler, si stabilirono in un edificio presso l’Oude Varkensmarkt. Fu la prima congregazione a dedicarsi all’istruzione (elementare) dei bambini cattolici poveri: la prima di un lungo elenco di congregazioni di frati e suore (21 in totale) che nel corso dei successivi centocinquanta anni divennero una presenza attiva nell’insegnamento prescolare (scuole materne) ed in quello scolastico (istruzione primaria e istruzione secondaria). Altri ordini e congregazioni, sei in totale, si occupavano della cura degli ammalati, degli anziani o dell’assistenza medica a domicilio. Questa tendenza si avvertì a partire dal 1850 allorché le Sorelle dell’Amore di Tilburg si assunsero il compito di assistere gli ammalati nell’ospedale cattolico (dal 1866 chiamato ospedale Canisius) e nella casa di riposo per anziani (dal 1881). Dopo la fondazione dell’università cattolica si costituì un ulteriore gruppo di ordini e congregazioni. In città sorsero niente di meno che trenta case di studio, monasteri e convitti, tutti abitati da chierici che necessitavano di un alloggio in prossimità dell’università dove studiavano o insegnavano. Nel 1923 i Missionari di Scheut fecero costruire l’edificio residenziale Bisschop Hamerhuis. Tra i monasteri di studio più famosi vi fu anche il Berchmanianum (gesuita, 1929) nella Houtlaan e l’Albertinum nella Heijendaalseweg (dominicano, 1932).

Infine, ben altri 21 ordini e congregazioni erano attivi su svariati fronti fra cui quello della gestione di pensioni e di musei o dell’accoglienza di ‘ragazze che avevano perso la luce di Dio’. Insieme ai campanili delle oltre trenta chiese parrocchiali, i profili dei monasteri dominavano lo skyline della città degli anni cinquanta.
Canonicoon37.gif
Padri, frati e suore colorano la città
dal 1923
Berchmanianum

37 berchmanianum.jpg

Fonte: Jan Brabers, in: De Canon van Nijmegen, Uitgeverij Vantilt (Nijmegen 2009)
KENNISBANK
Verder graven in de historie van stad en omgeving
FACEBOOK
Op de hoogte blijven van het laatste nieuws van het Huis
EDUCATIE
Projecten en maatwerk voor het onderwijs
VERHALEN
Verteld verleden