header wiki – Huis van de Nijmeegse Geschiedenis

46 Una città variopinta

Uit Huis van de Nijmeegse geschiedenis

Ga naar: navigatie, zoeken
Periodo: 
Televisione e computer
Nell’agosto 1961 arrivarono alla stazione di Nimega trentatré greci che come ‘gastarbeider’ (lett.: lavoratori ospiti) temporanei erano destinati al lavoro nella fabbrica di seta artificiale Nyma. Furono accolti a braccia aperte dato il bisogno crescente di manodopera. Nel 1965 i gastarbeider occupati erano oltre 600.

Nel 1960 Nimega contava oltre 130.000 abitanti di cui il 5% nato in un Paese straniero; tra loro vi erano soprattutto molti tedeschi e indonesiani provenienti dalle ex colonie che già dagli anni ’50 si erano riversati in Olanda. Negli anni ’60 e ’70 crebbe il numero degli stranieri provenienti dai Paesi del Mediterraneo: greci, spagnoli, italiani seguiti più tardi da turchi e marocchini. Inizialmente si trattava principalmente di giovani uomini che, come operai non qualificati, andavano ad occupare posti di lavoro in fabbriche come ASW, Philips, Dobbelman, e nei macelli di Cuijk. Gli operai alloggiavano in pensioni situate per la maggior parte nel quartiere Bottendaal dove era possibile trovare stabili grandi – e in cattivo stato; per l’accoglienza, l’assistenza e i contatti sociali potevano contare sull’Associazione per i Lavoratori stranieri nella Pontanusstraat dove una delle sale era stata adibita a luogo di preghiera. Quando negli anni ’70 l’economia cominciò a manifestare i primi sintomi di crisi e le aziende dovettero ridurre il personale o chiudere i battenti, molti gastarbeider furono licenziati come nel resto del Paese. Negli anni ’80 la disoccupazione tra gli stranieri raggiunse livelli elevatissimi. Nel frattempo molti operai turchi e marocchini si erano ricongiunti con i familiari in Olanda e col tempo queste comunità d'immigrati divennero stanziali. Con dei fondi raccolti, i turchi e i marocchini acquistarono una vecchia fabbrica di sciroppi nella Vondelstraat e la trasformarono in moschea. A causa delle differenze linguistiche con i turchi, i marocchini aprirono successivamente due proprie moschee, una nella Graafseweg e un’altra nella Pastoor Zegersstraat. Nel 1992 fu inaugurata la scuola elementare mussulmana ‘Abi Bakr’ nel Waldeck Pyrmontsingel, mentre in città cominciarono a sorgere i primi negozi turchi e marocchini.

Verso la fine del secolo, l’11% degli abitanti di Nimega era nato all’estero. Tale percentuale sale al 22% se si considerano anche gli stranieri di seconda generazione. I ‘nuovi cittadini’ non provenivano solo dai Paesi del Mediterraneo, i tedeschi rappresentavano difatti ancora il gruppo più numeroso. Negli anni ’70 e ’80 erano arrivati surinamesi e antillani, e dagli anni ’90 anche gruppi di profughi principalmente dall’Iraq e da diversi stati africani, ospitati inizialmente su imbarcazioni e dal 1998 nella caserma Prins Hendrik.
Canonicoon46.gif
Immigrati, ricongiunti e rifugiati
dal 1961
Immigrati italiani nella fabbrica Honig, 1962 (RAN)

46 gastarbeiders.jpg

Fonte: Dolly Verhoeven, in: De Canon van Nijmegen, Uitgeverij Vantilt (Nijmegen 2009)
KENNISBANK
Verder graven in de historie van stad en omgeving
FACEBOOK
Op de hoogte blijven van het laatste nieuws van het Huis
EDUCATIE
Projecten en maatwerk voor het onderwijs
VERHALEN
Verteld verleden