header wiki – Huis van de Nijmeegse Geschiedenis

6 Un’élite merovingia

Uit Huis van de Nijmeegse geschiedenis

Ga naar: navigatie, zoeken
Periodo: 
Monaci e cavalieri
Con la presa della città di Colonia da parte dei Franchi, verso la metà del V secolo, cessò il dominio romano nella regione. I re dei Franchi (la dinastia merovingia), che si consideravano i legittimi successori degli imperatori romani, si appropriarono di tutti i siti romani della zona, anche di Nimega.

Testimonianze archeologiche dimostrano che all’inizio del IV secolo i Romani edificarono una fortificazione militare sul Valkhof e che nello stesso periodo sorse un piccolo insediamento sulla vicinissima riva del Waal. Gli scavi archeologici antecedenti alla costruzione del Casinò lungo il Waal – eseguiti nel 1985-1987 – hanno portato alla luce un muro con mattoni in tufo: probabilmente il muro di cinta dell’insediamento, lungo circa ottanta metri, dello spessore di quasi un metro e mezzo e che originariamente doveva superare i due metri di altezza. I defunti venivano seppelliti nella zona a sud del muro. Nella Burchtstraat, nel 2001, sono venuti alla luce i resti di uno scheletro di una donna vissuta nel IV secolo, ‘La donna di piombo’, soprannominata così perché era adagiata in un sarcofago di piombo. Inoltre, grazie alle moderne tecnologie, è stato possibile ricostruire il volto di questa donna. I Merovingi con il loro avvento presero possesso sia dell’insediamento sulla riva del Waal sia della fortificazione sul Valkof dalla quale, probabilmente, gestivano i vasti possedimenti reali attorno alla città.

I cimiteri del IV secolo rimasero in uso sotto i Merovingi, come testimonia il ritrovamento (1999) di tombe risalenti alla fine del V e all’inizio del VI secolo tra il municipio e la Burchtstraat. Le tombe erano accanto a un tumulo nel quale era stata sepolta una persona presumibilmente importante ed erano stati adagiati oggetti come asce di ferro e una grossa punta di lancia di ferro. Era stato sepolto anche un uomo coperto da un broccato d’oro. Il ritrovamento di un cimitero del VII e VIII secolo nella Azaleastraat, dove i nobili seppellivano i defunti, testimonierebbe come anche la parte nord di Nimega fosse abitata in epoca merovingia. Nelle dirette vicinanze del cimitero sono stati rinvenuti i resti di un edificio tardo romano. Inoltre, grazie agli scavi archeologici del 2006, a Lent, è stato recuperato un importante reperto merovingio: un pezzo ornamentale decorato con oro e prezioso almandino che fungeva da elemento decorativo del bordo superiore della guaina in cuoio della spada.
Canonicoon6.gif
Tra l’epoca romana e il medioevo
circa 310-700
Lo spostamento del muro di tufo sul lungofiume del Waal, 1987 (RAN)

06 muurwaalkade.jpg

Fonte: Mieke Smit e Katja Zee, in: De Canon van Nijmegen, Uitgeverij Vantilt (Nijmegen 2009)
KENNISBANK
Verder graven in de historie van stad en omgeving
FACEBOOK
Op de hoogte blijven van het laatste nieuws van het Huis
EDUCATIE
Projecten en maatwerk voor het onderwijs
VERHALEN
Verteld verleden